Le riviste presenti

 

 

 

 


  RASSEGNA DANNUNZIANA

Da questo numero lo spoglio della rivista è stato interrotto.

 Consulta gli altri fascicoli della rivista:

RASSEGNA DANNUNZIANA


Anno 2007 - N. 52
ottobre
(a cura di Sestini Valentina)

INEDITI E DOCUMENTI

FRANCO DI TIZIO, Antonino Liberi e d'Annunzio. Carteggio inedito (1909-1914)

E' pubblicato in questa sede un carteggio inedito tra Gabriele d'Annunzio ed Antonino Liberi (marito di Ernestina, sorella del Poeta) riferito agli anni 1909-1914. La corrispondenza è costituita da oltre 150 lettere e telegrammi, di cui 122 inediti. Gli argomenti riguardano principalmente le problematiche finanziarie della madre di d'Annunzio che, non essendo più in grado di scrivere per problemi di salute, si affidava al genero per comunicare con il figlio ed informarlo delle sue necessità.
Pag. I-XXXVI
 


TANIA DI MICHELE, Le aquile di Brozzi sul Ponte Littorio di Pescara

Il contributo, oltre a fornire alcune precisazioni sullo scultore Renato Brozzi (erroneamente chiamato "Ernesto" da alcuni studiosi) si sofferma sul profondo sodalizio instauratosi tra il noto artista e d'Annunzio, testimoniato dalla molteplici commissioni affidategli dal Vate. A partire dal 1926, in coincidenza con gli accordi presi con Mussolini nel maggio 1925 riguardanti la donazione dell'intero patrimonio dannunziano allo stato italiano, il rapporto tra Brozzi e d'Annunzio si fece ancor più vivace e creativo, al fine di completare la fastosa magnificenza del Vittoriale.
Pag. XXXVII-XXXVIII
 


MATTEO TUVERI, Da D'Annunzio a Cioran: percorsi letterari di Elisabetta d'Austria-Ungheria

Nel 1898 Gabriele d’Annunzio scrisse ne «Il Mattino» di Napoli un elogio funebre dell’imperatrice Elisabetta d’Austria, intitolato “La virtù del ferro”. Il Poeta, descrivendo mirabilmente il momento della morte della donna, si era soffermato su quella figura dalla efebica bellezza che aveva - ed avrebbe - scatenato un vero e proprio culto letterario di sé. Nel contributo in esame si ripercorrono gli autori legati da questo ‘fil rouge’ elisabettiano tra i quali, oltre al già citato d’Annunzio, anche lo scrittore tedesco Alfred Schuler ed il filosofo romeno Émile Michel Cioran.
Pag. XXXIX-XLII
 


RECENSIONI

GABRIELLA ALBERTINI, Nicola D'Antino

Recensione alla mostra dello scultore "Nicola D'Antino", tenutasi nel MediaMuseum di Pescara dal 20 ottobre al 20 novembre 2007.
Pag. XLIII
 


GABRIELE D'ANNUNZIO - ANNIBALE TENNERONI, Al "candido fratello". Carteggio Gabriele d'Annunzio-Annibale Tenneroni (1895-1928) a cura di Mirko Menna

Lanciano , Ed. Rocco Carabba - 2007
(Andrea Lombardinilo)
pag. XLIII-XLIV

 

GABRIELE D'ANNUNZIO - FILIPPO DE TITTA, D'Annunzio e Filippo De Titta. Carteggio (1880-1922) e altri documenti dannunziani a cura di Enrico Di Carlo

Lanciano , Ed. Rocco Carabba - 2007
(Andrea Lombardinilo)
pag. XLV

 

GIUSEPPINO MINCIONE, Gabriele d'Annunzio e gli autori del mondo classico

Pescara , Ed. Edizioni Tracce - 2006
(Vittoriano Esposito)
pag. XLV-XLVI

 

MARIO QUINTO LUPINETTI, Un musicista di Pescara amico di d'Annunzio: Vittorio Pepe

Pescara , Ed. Edizioni Tracce - 2006
(Umberto Russo)
pag. XLVI

 
CRONACHE

ATTILIO MAZZA, Un Vittoriale 'fai da te'

Alcune riflessioni sulle conseguenze che deriveranno dalla decisione, da parte dello Stato, di inserire la Fondazione "Vittoriale" tra la lista degli enti inutili che saranno annullati perché ritenuti superati e inefficienti.
Pag. XLVI
 


ATTILIO MAZZA, D'Annunzio 84 anni fa lo donò agli Italiani

Breve ricordo del primo documento con cui Gabriele d'Annunzio, nel 1923, donò il Vittoriale allo Stato a cantiere da poco iniziato.
Pag. XLVI