Le riviste presenti

 

 

 

 


  PIRANDELLIANA

Rivista internazionale di studi e documenti

Direttore: L. Rino Caputo.
Vicedirettore: Florinda Nardi.
Responsabile di Redazione: Paola Benigni.
Redazione: Irene Baccarini; Stefania Cori;  Stefano Lo Verme.
Comitato scientifico: Franca Angelini, Nino Borsellino, Dominique Budor, Ettore Catalano; Simona Costa, Julie Dashwood, Dante Della Terza, Pietro Frassica, Manuela Gieri, Pasquale Guaragnella, Wladimir Krysinski, Pietro Milone, Sarah Zappulla Muscarà, Michael Roessner, Donato Santeramo, Luigi Sedita, Natale Tedesco, Franco Zangrilli.

Responsabile di redazione: Florinda Nardi.
Segreteria di redazione: Paola Benigni.
Amministrazione: Fabrizio Serra editore, Pisa-Roma. Uffici di Pisa: via Santa Bibbiana 28 - I 56123. Uffici di Roma: Via Carlo Emanuele I 48 - 00185.
Abbonamenti: Italia: € 95,00 (privati); € 245,00 (enti con edizione online). Estero: € 165,00 (privati); € 245,00 (enti con edizione online). Fascicolo singolo: € 95,00.
Rubriche: Saggi; Intorno a Pirandello; All’incrocio delle arti; Pirandello nel mondo; Rassegne; Pallottoline.

 Consulta gli altri fascicoli della rivista:

PIRANDELLIANA


Anno 2015 - N. 9
(a cura di Maria Procino)

DOMINIQUE BUDOR, PAOLA CASELLA, BART VAN DEN BOSSCHE, Introduzione. Finire e non concludere

Illustrando ai lettori i saggi presenti in Pirandelliana gli autori spiegano anche il progetto del numero monografico: la peculiarità della doppia e antitetica esigenza dello scrittore di finire senza concludere, l'uso troppo impreciso che spesso viene fatto dalla critica della locuzione-chiave "Non conclude" e infine l'esistenza di un campo teorico sullì'argomento della "fine" ormai solidamente circoscritto e definito.
Pag. 11-21
 


SAGGI

DOMINIQUE BUDOR, Scrivere la fine: perchè, come, per chi?

Il saggio analizza la ricerca pirandelliana sul "finire", tra libera invenzione o infinito e il finito dei contesti storici sociali e delle forme culturali su cui si basa la trasmissione dell'opera al fruitore.
Pag. 25-38
 


ALBERTO GODIOLI, 'Sciogliermi tutto'. Forme del distacco nei finali delle "Novelle per un anno"

Quali i meccanismi del desiderio nella narrativa e nel teatro di Pirandello? Il suo protagonista sembra rinunciare fuggire non perchè il mondo sia privo di stimoli di desiderio ma per paura che la passione conduca alla follia.
Pag. 41-53
 


FULVIO SENARDI, L'arte di concludere. Strutturazione dell'epilogo nei romanzi di Pirandello

Il saggio esplora gli epiloghi nei romanzi pirandelliani: allontanandosi dal tradizionale romanzo ottocentesco, Pirandello sperimentatore, si muove verso una visione innovativa del mondo con la certezza della mobilità e della frantumazione dell'Io nell'unità del flusso ininterrotto dell'Essere.
Pag. 55-67
 


MICHAEL RÖSSNER, Knock-out o vittoria ai punti? Modalità della fine nelle novelle lunghe e brevi di Luigi Pirandello

Pirandello autore di novelle viene indagato nel saggio che individua le differenze tra il finale nelle novelle lunghe e quello nei testi più brevi dove è più frequente il finale knock-ouu ma con importanti variazioni.
Pag. 69-77
 


BART VAN DEN BOSSCHE, Ultime parole anonime. Anonimia. Narratività e retorica negli epiloghi delle novelle

Le coordinate anagrafiche dei personaggi pirandelliani diventano segni forti della loro identità e del loro destino. Eppure in una quindicina di novelle è presente un'anonimia generale che sembra incidere sulle funzioni dell'epilogo.
Pag. 79-92
 


ALL'INCROCIO DELLE ARTI

MARINELLA CANTELMO, Nevralgie della fine. La narrazione va in scena

Da Suo marito a La patente a Tutto per bene, viene analizzato il teatro nel romanzo, specola privilegiata e preziosa che permette di penetrare nell'officina di Pirandello. Tra drammaturgia e narrazione, lo scrittore siciliano, mette in scena le sue teorie ed il momento conclusivo diviene uno snodo nevralgico decisivo.
Pag. 95-107
 


ROBERTO ALONGE, I finali perturbanti dei registi pirandelliani

Alonge analizza la regia e la sua funzione: pur non prevaricando la scrittura autorale, la interpreta e la orienta. Ed il finale un luogo strategico della scrittura drammaturgica di Pirandello, diventa l'asse su cui opera l'invenzione registica.
Pag. 109-120
 


TESTI E IMMAGINI

IVAN PUPO, Fantasmi della fine in alcune novelle dell'ultimo Pirandello (tra filologia ed ermeneutica)

Nel saggio attraverso lo studio di materiale inedito, vengono esaminate le strategie dell'epilogo nella ultima produzione novellistica di Pirandello.
Pag. 123-140
 


RASSEGNE

BEATRICE ISTRIA, La fine: un oggetto scientifico e pirandelliano (Bibliografia ragionata)

Béatrice Istria realizza una bibliografia aggiornata e selettiva che offre la possibilità di studiare la teoria sulla fine in Pirandello. I lavori presentati definiscono la fine come luogo testuale che ha uno stretto legame con l'inizio.
Pag. 143-158