Le riviste presenti

 

 

 

 


  ERMENEUTICA LETTERARIA

Rivista internazionale
Annuale
Comitato direttivo
: Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce); Alfonso Berardinelli (Roma); Ilaria Crotti (Università di Venezia); Pietro Gibellini (Università di Venezia); Paolo Leoncini (Università di Venezia); Ricciarda Ricorda (Università di Venezia); Filippo Secchieri (Università di Ferrara); Alessandro Scarsella (Università di Venezia).
Comitato di lettura: Enza Biagini (Università di Firenze); Adone Brandalise (Università di Padova); Angelo Colombo (Università di Besançon); Tatiana Crivelli (Università di Zurigo); Carlo De Matteis (Università de L’Aquila); Anna Dolfi (Università di Firenze); Walter Geerts (Università di Anversa); Alfredo Luzi (Università di Macerata); Roberto Mancini (Università di Macerata); Elisabeth Kertesz (Università Paris XII); Renato Martinoni (Università di San Gallo).
Comitato redazionale: Riccardo Barontini (Université Paris Sorbonne) · Valentina Bezzi (Università di Venezia) · Alessandro Cinquegrani (Università di Venezia) · Alice Favaro (Università di Venezia) · Sebastiano Galanti Grollo (Università di Venezia) · Riccardo Gigli (Università di Macerata) · Francesca Grisot (Università di Venezia) · Beniamino Mirisola (Università di Venezia) · Consuelo Ricci (Università di Firenze) · Cecilia Rofena (Università di Venezia) · Alberto Zava (Università di Venezia).
Segretaria di redazione: Francesca Grisot.
Amministrazione: Fabrizio Serra editore, Pisa-Roma. Uffici di Pisa: via Santa Bibbiana 28 - I 56123. Uffici di Roma: Via Carlo Emanuele I 48 - 00185. Abbonamenti: Italia: Privati: € 160,00; Enti, con edizione online:  € 495,00.
Estero: Privati: € 265,00; Enti, con edizione online: € 495,00.
Rubriche: Teoria e prassi; Recuperi e sperimentazioni; Dialoghi e letture.

 Consulta gli altri fascicoli della rivista:

ERMENEUTICA LETTERARIA


Anno 2018 - N. 14
(a cura di Alessandro Scarsella)

CRISI DELLA COMPARATISTICA, A CURA DI ALESSANDRO SCARSELLA

ALESSANDRO SCARSELLA, [Premessa]

Esprime le motivazioni della pubblicazione, nel contesto del disagio accademico patito dalla Comparatistica e dalla Teoria della Letteratura.
Pag. 10
 


CRISTINA BENUSSI, Crisi della teoria? La letteratura contemporanea e un’idea di comparatistica

L’obbiettivo attuale della critica letteraria si pone in relazione alle nuove forme di economia e comunicazione. Anche i parametri estetici della tradizione sono ora applicati a scopi utilitaristici. La letteratura entra in un sistema di complessità che richiede altre conoscenze al fine di salvare la prospettiva umanistica.
Pag. 11-14
 


GIOVANNI BOTTIROLI, Crisi della teoria? La letteratura contemporanea e un’idea di comparatistica

Perché la letteratura non è studiata nei dipartimenti di letteratura? E cosa si studia, in quei dipartimenti? Esite una patologia di lunga durata che chiama "contestualismo": con questo termine si indica la tendenza a cercare il significato di un testo focalizzando l'attenzione sul contesto storico in cui il testo è stato creato.
Pag. 15-20
 


PAOLO PROIETTI, Crisi della teoria? La letteratura contemporanea e un’idea di comparatistica

Il contributo definisce sinteticamente e analiticamente la posizione della Comparatistica questa nell'attuale sistema universitario italiano e nel dibattito culturale italiano, lo statuto della disciplina e il suo possibile futuro nel più ampio quadro degli studi umanistici. Si indica altresì il forte legame esistente tra traduzione letteraria e punto di vista di un'interpretazione critica del testo tradotto, inteso come spazio di comparazione privilegiato per lettura e riscrittura dell'alterità.
Pag. 21-28
 


FEDERICO BERTONI, La resistenza alla teoria

L'abito non fa il monaco. Questo adagio riassume bene la posizione dell'autore del contributo rispetto alle prerogative della teoria. Il medesimo adagio si attaglia allo stesso Bertoni smarritosi, nonostante le sue credenziali, nel labirinto delle diverse posizioni, al punto di dover ammettere la propria difficoltà di comprensione e di espressione.
Pag. 29-36
 


MAURO PALA, Sinergie della crisi : un’ipotesi sulla letteratura comparata e il pensiero postcoloniale

Si ricostruisce il processo in cui la Comparatistica si è evoluta riorientando il suo quadro teorico negli anni '70 e '80, grazie all'influenza della geografia umana e degli studi postcoloniali successivi. A ben vedere già anni '60 Dionisotti e antropologi come De Martino e Cirese aprirono la via a un approccio scientifico alle realtà regionali, in cui le questioni di etnia, espressioni orali e vernacolari finora limitate a sfere subalterne cominciarono a essere sistematicamente studiate sulla falsariga della lezione di Gramsci.
Pag. 37-48
 


CARLO A. AUGIERI, Dioniso vs Apollo: l’eccedenza comparatistica della letteratura ‘entro’ la lingua del simbolismo mitico

La critica si propone ancora come una sorta di "filologia paradigmatica", i cui strumenti tradizionali possono essere riutilizzati per comprendere l'immaginazione autoriale all'interno e all'esterno dei suoi confini scritti, e per ripercorrere le reciproche intersezioni tra testo e codice, con attenzione alla risposta del lettore, alle riscritture del mito e dei testi del canone, infine alla letteratura come patrimonio multiculturale.
Pag. 49-64
 


MARINA GUGLIELMI, Letteratura comparata fluida. L’esperienza delle riviste online

Open Access e ricerca vanno di pari passo nel discorso scientifico. I prodotti di ricerca umanistica hanno subito drastici cambiamenti negli ultimi decenni in termini di produzione, pubblicazione, gestione e diffusione.L'idea di riviste online ad accesso aperto i cui contenuti siano tutti disponibili presso i lettori ha riscosso notevole consenso. Si intende proporre una serie di riflessioni iniziali sull'impatto delle pubblicazioni 'open access' nel campo della critica letteraria e della letteratura comparata.
Pag. 65-74
 


GIULIO IACOLI, Per una didattica comparativa della letteratura. Riflessioni situate e operative

Allo scopo di chiarire alcune vistose contraddizioni vigenti nel sistema scolastico nazionale contemporaneo, riformato, si propongono alcune osservazioni concettuali e operative sull'educazione letteraria: dai rapporti tra letterature nazionali e straniere, all'eventualità di una formazione comparatistica per gli insegnanti di materie letterarie; dallo studio dei temi e dei generi,alle correlazioni tra geografia e letteratura, agli autori del canone, allo studio del mito.
Pag. 75-88
 


STEFANO TANI , Il lungo addio: università e comparatistica

La crisi attuale della comparatistica rispecchia il naufragio dell'università e il fallimento di tentativi di riforma che, appesantendo le funzioni dell'apparato e ingessando la programmazione, eludono i compiti formativi delle materie umanistiche, ripudiando le motivazione e le provocazioni del genuino spirito della weltliteratur.
Pag. 89-95
 


CRISI DELLA COMPARATISTICA, A CURA DI ALESSANDRO SCARSELLA (L'INEDITO)

FRANCESCA VALENTINI, Italo Calvino: Lezioni cubane (in appendice : El hecho histórico y la imaginación en la novela di Italo Calvino [originale e traduzione di F. Valentini])

Si ricostruiscono i rapporti di Italo Calvino con Cuba e con la letteratura ispanoamericana, proponendo la traduzione italiana (con testo spagnolo a corredo) della conferenza letta da Calvino nel 1964 a La Havana, "Il fatto storico e l’immaginazione nel romanzo" e mai riproposto integralmente in Italia. In essa Calvino traccia parallelismi tra la letteratura italiana del Novecento, le letterature europee e l'America latina.
Pag. 97-17
 


RECUPERI E SPERIMENTAZIONI

MANUELE MARINONI, Stratigrafie del « nulla »: dall’ontologia religiosa alla poíesis musicale. Il « Leopardi » di Alberto Caracciolo

La presenza del pensiero di Giacomo Leopardi nella filosofia di Alberto Caracciolo si configura a partire dalla domanda ontologica e nella correlazione tra il "nulla" di Leopardi e il "nulla" di Heidegger, da Caracciolo indicata, con implicazioni importanti in materia di filosofia della musica.
Pag. 129-136
 


MONICA FARNETTI, Anacronismi. Appunti sul romanzo storico delle donne

L'interpretazione del genere del romanzo storico femminile si basa sul concetto di anacronismo, discusso nel Novecento dalla critica e in particolare da Nicole Loraux. L'argomento è affrontato a partire da una serie di romanzi storici scritti da donne e con una donna come protagonista: un passato mai fino alora raccontato come quello femminile.
Pag. 137-144
 


ALBERTO LUCIANO, Poesia e messianesimo: da Rebora a Cattafi

Il tema dell'attesa impronta notevoli esperienze poetiche italiane, da Rebora a Bigongiari, da Montale a Cattafi; in Rebora in Cattafi in particolare si manifesta un retroterra condivisdo di influenze teologiche, filosofiche e letterarie, strutture di un pensiero messianico delineate, non solo a livello tematico, ma come uno stato d'animo particolare assunto dall'"io" lirico.
Pag. 145-160
 


LORENZO CARDILLI , Verso la « grana incostruibile »: da Dietro il paesaggio a Pasque di Stefano Agosti

Lettura e analisi del secondo saggio di Stefano Agosti sulla poesia di Andrea Zanzotto, pubblicato nel 1973 come introduzione a un'antologia chiave delle poesie di Zanzotto, Poesie (1951-1973), e in seguito ribattezzato Da Dietro il paesaggio a Pasque. Si tratta di una pietra miliare nella storia della critica zanzottiana, fondandosi su un approccio fenomenologico-stilistico, fortemente indebitato con il metodo critico di Gianfranco Contini.
Pag. 161-174
 


DIALOGHI E LETTURE

ROSARIO VITALE, « A tavola con le muse ». Intersezioni tra cibo e letteratura

Spunti derivati dalla lettura del volume A tavola con le Muse. Immagini del cibo nella letteratura italiana della modernità, a cura di Ilaria Crotti e Beniamino Mirisola (Venezia, 2017).
Pag. 175-177