Sono stati trovati in tutto 25803 articoli.
Visualizzazione risultati da 19859 a 19869

 

ZELIKO DJURIC, Umberto Saba e Gabriele D'Annunzio (alcuni aspetti critici e testuali)

Nel saggio si studia la multiforme e variegata presenza dannunziana in Saba, qui ritenuta fenomeno complesso e stratificato e non limitato esclusivamente agli anni giovanili.

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 45-53

 

 

PIETRO FRASSICA, Gli 'alleati' di Saba

La produzione letteraria sabiana che va dall'immediato dopoguerra al romanzo "Ernesto" sarebbe contrassegnata, secondo l'A., dal ritrovamento di un'auspicata libertà, che dalla dimensione storica si riverbera su quella personale, "avviando un processo di liberazione tra scrittura privata, prosa e poesia" che, accentuato dalla prossimità della morte sentita come imminente, consentirà allo scrittore triestino "di debellare in "Ernesto" un antico tabù" (p. 63).

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 55-63

 

 

GIORGIO BARONI, Saba e Giotti: congedi

Nel saggio si esamina il significato dello statuto dell'appello al lettore e più genericamente dei 'congedi' letterari nelle raccolte di Umberto Saba e Virgilio Giotti

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 65-74

 

 

GIANCARLO ALFANO, "Lo diceva all'Italia". Sereni e Zanzotto leggono Umberto Saba

Ci si sofferma sull'interpretazione dell'opera sabiana da parte dei più giovani poeti Vittorio Sereni e Andrea Zanzotto.

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 75-81

 

 

MARIA PAGLIARA, Umberto Saba ritrattista

Nell'immaginario poetico-figurativo sabiano un ruolo importante è assunto dal genere del ritratto, qui indagato con riferimento alla silloge "I Prigioni" e alla forma peculiare del ritratto-autoritratto.

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 83-90

 

 

PAOLO FEBBRARO, La terza dimensione. Saba in prosa

Nel saggio ci si occupa della produzione prosastica di Saba: dalle novelle del 1910-14 al dramma "Il letterato Vincenzo", dalle "Scorciatoie" del 1945 alla "Storia e cronistoria del Canzoniere", dal più noto romanzo "Ernesto" alle stesse lettere dell'epistolario.

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 91-96

 

 

ANNA BELLIO, De cuor: affetti e colori

"Virgilio Giotti affresca - secondo l'esatto rilievo dell'A. - in varietà di quadri, l'essere autentico dell'uomo, di tutti i tempi e in ogni luogo" (p. 97). La cifra più autentica della produzione poetica dell'autore triestino viene qui riconosciuta nella sua capacità di trasfigurare le "immagini quotidiane dall'appassionata concretezza" in esempi di una sapienza di vita che assurgono a generali considerazioni, a volte definitive, sulla vita e sull'uomo.

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 97-103

 

 

TITUS HEYDENREICH, Conversazioni in libreria

Cosa rappresentò per Umberto Saba la libreria antiquaria di via San Nicolò? L'A. risponde al quesito analizzando la parole usate da Saba per descriverla in poche poesie del "Canzoniere". Piuttosto che luogo di incontri, di conversazioni più o meno erudite ed attuali, la libreria di Saba emergerebbe come "un nero antro sofferto", null'altro che un "cantuccio" in cui trovare rifugio ad una vita pensosa e schiva.

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 105-110

 

 

PEDRO LUIS LADRÒN DE GUEVARA MELLADO, La poesia di Saba in Spagna: presenza e problemi di traduzione

L' A. si occupa della presenza della poesia sabiana in Spagna negli ultimi cinquanta anni, soffermandosi più nel dettaglio su un'analisi diacronica della traduzione della poesia "La capra".

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 111-119

 

 

GINO RUOZZI, Favole, apologhi, epigrammi, scorciatoie, raccontini: la morale breve di Umberto Saba

La sentenziosità di Saba viene qui indagata attraverso il riferimento alla sua consuetudine col genere aforistico e le varie forme brevi e morali, in poesia e in prosa (dalle favole e gli apologhi agli epigrammi del "Canzoniere", ai testi aforistici e narrativi di "Scorciatoie e raccontini").

RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, Anno 2008 - N.1 - Pag. 121-128

 

 

Precedenti     Successivi