All for Joomla All for Webmasters


SI RINGRAZIANO PER IL SOSTEGNO:

Calendario eventi

<< Novembre 2019 >> 
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 30/09/2019 ** SCHEDE AL 31/07/2019: 61.101** SCHEDE AL 30/09/2019: 61.250

PETRARCHESCA La rivista «Petrarchesca» nasce con il desiderio e l'ambizione di offrire un'occasione di ampliamento e novità agli studi petrarcheschi, in un momento che si presenta ricco di interessanti prospettive di ricerca. Le edizioni prodotte per l'occasione del centenario petrarchesco consentono infatti un più circostanziato accostamento alla figura del poeta e dell'umanista e permettono di percorrere nuove strade nell'interpretazione delle sue opere. Il proposito di «Petrarchesca» è dunque quello di accrescere questo interesse, sottoponendo l'opera del Petrarca a un'analisi basata su salde fondamenta storiche, testuali e filologiche che ne precisi ulteriormente contenuti, temi e cronologia e che non trascuri però di sottolinearne il valore artistico e ideale. Un comitato scientifico internazionale e di grande prestigio garantisce l'attendibilità di questo intento e la novità dei risultati che saranno proposti. Aperta a contributi innovativi e a prospettive d'indagine originali, «Petrarchesca» non vuole essere però una rivista dedicata ai soli specialisti, poiché col suo spirito di rinnovamento si propone all'attenzione di tutti i lettori, e in particolare a chiunque abbia interesse per questo grande e immortale classico della letteratura mondiale.

Per contattare la redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per maggiori informazioni: http://www.libraweb.net/


Vai allo Spoglio

PER LEGGERE

Fondata nel 2001 da Simone Giusti, diretta attualmente da Isabella Becherucci, Simone Giusti, Francesca Latini, Roberto Leporatti e Natascia Tonelli, la rivista dichiara fin dal titolo lo scopo della sua costituzione, prefiggendosi il foglio semestrale di ospitare più generi di indagini esclusivamente testuali. Pur non recando nel primo numero nessun programma volto a illustrare le linee di condotta, le riflessioni metodologiche su cui procede il suo primo contributo, Cominciare con Dante – il commento dedicato da De Robertis alla ‘proemiale’ canzone dantesca Così nel mio parlare vogl’esser aspro (esercizio esegetico, che è, insieme, invito a rigore, essenzialità e stretta adesione al testo) – possono essere assunte a insegna degli obiettivi «di una rassegna espressamente dedicata a quell’atto particolare di lettura che è il commentare».
Mentre le due formule del commento e della lettura si alternano costantemente nella prima sezione, integrate talvolta anche da quella prima forma di interpretazione, al grado zero, che è l’edizione critica (la sezione non reca propriamente un titolo, ma vi rientrano esclusivamente i tre generi suddetti, sempre accompagnati dal testo preso in esame), la successiva rubrica, Dialoghi, articola le possibilità implicite di un testo di corrispondere o interagire con altri, sia nella forma delle sue traduzioni, sia in quella dei suoi peri- o ipo- testi, fino a includere quella delle sue trasposizioni artistiche. La terza sezione, Intorno al testo, alterna alle puntuali indagini di tipo filologico più ampie prospettive di interpretazione di un’intera opera che, seppure condotte in quella forma saggistica prioritariamente esclusa dalla rivista, sono qui accolte come chiave d’accesso alle più minuziose indagini legate al singolo testo già presentate o da venire. Nella stessa direzione di allargamento del campo di studio si deve intendere il frequente inserimento, sempre in questa sezione, di interviste ai maggiori propositori di recenti innovazioni editoriali (se sintetici ragguagli allora ubicati nelle Cronache) e di reportages, quasi in diretta, di convegni e giornate di studio appena conclusi. La quarta sezione, Cronache, è costituita da recensioni dedicate ancora una volta a Edizioni e Commenti, ma anche da schede informative che hanno per oggetto il mondo della didattica, Scuola e Università, quest’ultima rubrica, talvolta, vera e propria unità a se stante.

Volumi, dattiloscritti, files sono da inviare a: Natascia Tonelli, Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne, Via Roma 56, 53100 Siena, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per scambio riviste rivolgersi a: Redazione “Per leggere” Scuola e Università, c/o A.I.S.E., via Alfieri 11, 58100 Grosseto, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Promozione, distribuzione abbonamenti: LICOSA s.p.a., 50125 Firenze, via Duca di Calabria 1/1, e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. +390556483201, fax +39055641257


Vai allo Spoglio

MODERNA Il titolo non vuole indicare i limiti di un'epoca storica o comunque uno spazio temporale, quanto un motivo e una prospettiva: un motivo, perché esiste una tematica della modernità, riscontrabile talora anche in autori premoderni e non-moderni; una prospettiva, perché il punto di vista da cui saranno traguardati i diversi problemi sarà appunto quello del moderno. «Moderna» intende qualificarsi anzitutto come rivista di studio e di ricerca. Per quanto nasca in ambito accademico, non vuole porsi come organo di corporazione o come puro contenitore di materiali disparati; la rivista si propone come momento di verifica dei metodi e degli strumenti di lavoro. La prima sezione è perciò dedicata alla teoria della letteratura. La seconda sezione è occupata dalla critica. Intendiamo perseguire un modello di critica letteraria che unisca alla considerazione della specificità testuale e degli aspetti filologici, linguistici e formali un interesse propriamente ermeneutico volto alla sua storicizzazione, attualizzazione e valorizzazione. Si può dare un contributo alla ripresa della critica letteraria anche proponendo esempi di scrittura critica che si collochino al di là del microfilologismo come del misticismo ermeneutico oggi dominanti. Inoltre cercheremo di proporre numeri monografici o almeno temi e argomenti unificanti, che diano una fisionomia omogenea a ogni fascicolo. 
La terza sezione della rivista fa il bilancio, anche bibliografico, su un autore, un movimento o un problema critico che è stato al centro dell'attenzione recente degli studiosi. Poiché non mancano certo riviste e pubblicazioni che già contengono repertori bibliografici ampi ed esaurienti secolo per secolo, la formula scelta permette invece di fornire, su un tema specifico, il massimo di informazione bibliografica e una prima sistemazione critica. Ogni volta che se ne darà l'occasione comparirà poi una quarta sezione, «Discussioni». La rivista intende infatti ospitare contributi ispirati a punti di vista diversi e magari contrapposti e incoraggiare il dibattito che può nascerne. 

Per contattare la redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per maggiori informazioni: http://www.libraweb.net/


Vai allo Spoglio

MEDIOEVO LETTERARIO D’ITALIA La Rivista intende proporre ai lettori una speciale angolatura da cui osservare il panorama culturale dei primi secoli della nostra letteratura: quella basata sugli studi di filologia romanza e sulla storia della lingua italiana. L'adozione di una specificazione apparentemente connotata come «d'Italia» allude poi all'opportunità di non limitare il campo d'osservazione e d'intervento alla sola letteratura 'nazionale' (cioè ai volgari del si), ma di allargarlo a quanto, in fatto di produzione e circolazione dei testi, ha comunque avuto, sia pure in altri idiomi, un rapporto diretto con l'Italia medievale, la sua cultura, le sue tradizioni: le poesie dei trovatori nati nella Penisola, gli scritti in lingua d'oil, la cosiddetta epica franco-veneta, la letteratura latina. È un orizzonte anche storico e cronologico, che abbraccia soprattutto il XIII e il XIV secolo, con opportune estensioni verso le più lontane origini e verso il Quattrocento.

Per contattare la redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per maggiori informazioni: http://www.libraweb.net/


Vai allo Spoglio

LINGUISTICA E LETTERATURA La rinnovata serie della rivista «Linguistica e Letteratura» intende mettere l'accento sulla funzionalità critica del nesso linguistica-letteratura. Ciò significa privilegiare la centralità del testo analizzato nelle sue peculiarità interne, nei suoi rapporti con altri testi letterari e con altri linguaggi, da quello della critica a quelli delle arti visive. Sarà valorizzata una prospettiva interdisciplinare la più larga possibile che comprenda il livello dell'intertestualità e quello dell'interespressività, fino a saggiare spazi di confronto con le testualità e i codici "altri" della cultura scientifica e tecnologica.

Per contattare la redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per maggiori informazioni: http://www.libraweb.net/


Vai allo Spoglio

Pagina 6 di 11